Turkish Delight al pistacchio e cocco

 “E ‘noioso, figlio d’Adamo, bere senza mangiare,” disse la Regina. “Che cosa ti piace mangiare di più ?”

“Il Turkish Delight, per favore, Vostra Maestà», disse Edmund.

La regina lascio cadere sulla neve un’altra goccia dalla sua bottiglia, e subito apparve una scatola rotonda, legata con nastro di seta verde, che, una volta aperta, vide che conteneva parecchi chili del migliore Turkish Delight. Ogni pezzo era dolce e leggero fino al centro, ed Edmund non aveva mai assaggiato niente di più delizioso.”

– C.S Lewis, Le cronache di Narnia – Il leone, la strega e l’armadio

“Lokum” o “Turkish delight” sono i nomi di questa delizia di origine ottomana. In tante altre lingue si chiama “rahat”, come abbreviazione dell’ottomano “rahat ul-hulküm”. La sua storia inizia nel 1776, quando Bekir Efendi lascio Kastamonu, la sua città natale, per aprire una panetteria ad Istanbul. Ha creato quello che sarebbe diventato la delizia dei sultani, e più tardi il simbolo del suo paese. Inizialmente, era un preparato a base di miele, sciroppo di frutta e farina, aromatizzato con acqua di rose, buccia d’arancia, o buccia di limone.

Nel XVIII secolo, inizio il suo viaggio verso l’Europa, grazie ad un mercante inglese che durante il suo soggiorno ad Istanbul rimase incantato dal gusto di questo desert e cominciò a inviare nel suo paese casse piene di lokum, sotto il nome di “Turkish delight”. Il lokum divenne ben presto un lusso di cui godeva soltanto l’alta società (si usava mettere un pezzo di lokum dentro ad un fazzoletto di seta, come regalo). Gli Ottomani servivano il lokum con caffè turco ed un bicchiere di acqua fredda. Io non mi preoccupo più di tanto, l’ho divorato accanto ad un bicchiere di tè.

Se andate ad Istanbul, troverete centinaia di tipi di lokum, all’acqua di rose, pistacchi, noci, nocciole, noce di cocco, limone, in diverse forme, colori e sapori. Ma se, come me, lo volete subito, vi spieghero come si può fare in casa, con risultati sorprendenti. Pensate che io non uso nemmeno un termometro per il caramello, come richiederebbe la ricetta, e mi riesce sempre perfetto. In questo video (molto divertente) vedrete una delle più sicure ricette di lokum. Se non si dispone di un termometro, si può avere un’idea più chiara guardando la consistenza durante e dopo l’ebollizione (non deve essere più liquido che nel video). Mi fido di voi ! So che presto sarete in grado di vantarvi di aver fatto il turkish delight in casa !

[note color=”#ffffff”]

Turkish Delight al pistacchio e cocco

Ingredienti:

800 g zucchero

375 ml acqua

1 cucchiaio succo di limone

120 g amido di frumento (o di mais)

1 (5 g) cucchiaino cremor tartaro

500 ml  acqua

100 g  pistacchi

50 g  cocco

Preparazione:

1.Ungiamo legermente con dell’olio di semi una teglia 23cm x 23 cm, e foderiamo con della carta da forno, che spennelliamo a a sua volta con un altro pò d’olio.

2. In una pentola con fondo spesso, mescoliamo lo zucchero, 375 ml d’acqua ed il succo di limone e mettiamo sul fuoco, mescolando fino a quando lo zucchero si scioglie. Introduciamo il termometro per il caramello, se ne abbiamo uno.

3.Lasciamo cuocere a fuoco lento per 45 minuti – 1 ora fino a raggiungere 115 ° C, o fino che non diventa denso e dorato, come nel video.

4.In un’altra pentola, mischiamo  l’amido di mais con il cremor tartaro, aggiungiamo 500 ml d’acqua e mescoliamo con una frusta fino a che il composto è liscio e denso.

5.Mettiamo la miscela di amido / tartaro / acqua sopra lo sciroppo, rimettiamo sul fuoco e mescoliamo continuamente con una frusta, portandolo ad ebolizione.

6.Quando comincia a bollire, abbassiamo la fiama al minimo e lasciamo 1 ora, mescolando ogni 10 minuti fino che il composto diventa color oro pallido e ha la consistenza della colla.

7.Togliamo dal fuoco e aggiungiamo i pistacchi, mescolando.

8. Versiamo immediatamente il tutto nella teglia foderata con carta da forno e spennellata d’olio.  Lasciamo a raffreddare a temperatura ambiente per cca 24 h.

9.Cospargiamo una superficie con della noce di cocco grattuggiata, rovesciamo il lokum, cospargiamo un altro po’ di cocco,  e poi lo tagliamo a pezzi uguali con un coltello unto d’olio.

10.Separiamo i pezzi e li mettiamo dentro ad una ciotola con dentro della noce di cocco. Mescoliamo i pezzi, a modo che la noce di cocco si attacchi su tutte le parti, e poi li mettiamo su una teglia in un unico strato.

Suggerimenti:

Il tempo di cottura può variare a seconda della vostra stufa, ma l’indizio più importante è il colore e la consistenza della miscela. Si dovrebbe ottenere un composto del colore giallo dorato, con la consistenza della colla, quindi assolutamente non deve rimanere troppo liquido.

Il cremor tartaro è un sale acido, un ingrediente naturale (di solito in polvere), che in questa ricetta ha il ruolo di impedire la cristallizzazione dello zucchero.

Se si desidera regalare il lokum, quindi metterlo dentro ad una scatola, vi consiglio di lasciarlo prima ad asciugare per 2-3 giorni a temperatura amibente. In caso contrario, si può mangiare dopo 20-24 h dalla preparazione.

[/note]

 

Negozio di Turkish Delight ad Istanbul.

Afiyet olsun !

(Visited 254 times, 1 visits today)

25 Comments

  1. Emily November 4, 2012 at 5:44 pm

    minunaaaaat <3

    Reply
  2. Pingback: Istanbul… | Just Love Cookin'

  3. Cosmin Ordean Boc November 4, 2012 at 10:28 pm

    Impresionant!Nu am avut idee ca poate fi facut in casa, singurul rahat turcesc memorabil cu fistic l-am degustat la un targ de turism din Viena la standul Turciei si de atunci zadarnic am tot incercat sa cumpar ceva similar…
    Iti multumesc pentru reteta , voi incerca cu siguranta sa o pun in aplicare si ma voi intoarce sa iti povestesc daca am si reusit!
    PS:ce este crema tartare si unde se poate gasi in RO?
    Cu drag,Daiana

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 5, 2012 at 2:29 pm

      Buna, Daiana!
      Imi pare bine ca ai aflat de la mine ca lokumul se poate face si in casa. :) Eu il ador!! <3
      Eu nu locuiesc in Romania si nu as sti sa dau numele unui magazin anume,dar cu un search pe Google se pot face minuni. :) o sa ma uit si eu sa vad unde se gaseste in Ro, si o sa revin cu o completare.
      Te pup si te mai astept pe la mine! Xoxo

      Revin cu completarea! Poti gasi cream of tartar aici: http://www.pastaidevanilie.ro/aditivi-alimentari/28-cream-tartar.html si pe expatshop. Pups! :)

      Reply
  4. Mihaela November 5, 2012 at 2:59 am

    Superba prezentare, Ana Maria, mi-ai adus un sentiment exotic :) Gasesc pe aici rahat de cumparat, dar cumpar mai rar, multumiri pentru reteta, o voi retine pentru “experimente” viitoare. Stiu ca Romania nu este tara ta de suflet, dar te invit la o provocare speciala pe blogul meu, cand ai timp si inspiratie :) La cat mai multe retete frumoase!

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 5, 2012 at 2:32 pm

      Ce bine daca am reusit sa transmit acel sentiment! :)
      Iti multumesc de invitatie, sper sa am timp sa o onorez, mi-ar face placere, chiar daca Romania nu e tara mea de suflet. :)))
      Te pup!

      Reply
  5. Paula Gafitescu November 5, 2012 at 6:10 am

    Minunata prezentare si preparatul e la fel de grozav!!!! Superb! Pozele m-au lasat masca! Pupici

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 5, 2012 at 2:36 pm

      Multumesc,Paula! Ma bucur mult ca ti-a placut munca mea!
      Te imbratisez. Xoxo

      Reply
  6. Timea November 5, 2012 at 8:38 am

    Wow cat de bine arata, ce poze minunate! Bravo!

    Reply
  7. vera November 5, 2012 at 1:45 pm

    ce este cream of tartar ?
    poate fi sarea de lamaie?

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 5, 2012 at 2:57 pm

      Buna, Vera!
      Crema de tartar nu este sare de lamaie, este vorba despre bitartatul de potasiu. Am cautat pe net si am gasit doua magazine online care vand crema de tartar, dar cred ca poti incerca si in magazinele de condimente. S-ar putea sa gasesti! Daca nu, aceste site-uri sunt de incredere,poti cumpara linistita de pe unul din ele. Unul este pastaidevanilie.ro , iar celalalt expatshop.

      http://www.pastaidevanilie.ro/aditivi-alimentari/28-cream-tartar.html

      Reply
  8. Simona November 5, 2012 at 1:53 pm

    Ana Maria, vreau sa iti spun ca astept fiecare postare a ta cu mare mare nerabdare, blog-ul tau e ca o carte de povesti! Iti multumesc

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 5, 2012 at 3:00 pm

      Simonaaaa, cat de frumooooos mi-ai scris … <3
      Iti multumesc pentru cuvintele astea atat de dulci!
      Te imbratisez si te pup tare,tare!
      xoxoxo

      Reply
  9. Magda Adina November 5, 2012 at 2:53 pm

    Am citit cu sufletul la gura si am savurat fiecare poza !!
    Atat de mult imi plac prezentarile tale !! Sunt invaluite in mister !! <3

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 5, 2012 at 3:10 pm

      Multumesc, Magda!! <3 Nici nu stii cat de mult ma bucur cand aud ca am reusit sa transmit ceea ce mi-am propus prin textele si pozele mele. Te pup cu mult drag! <3

      Reply
  10. Magda Adina November 5, 2012 at 7:51 pm

    Ana , atunci cand ai “ingredientele” necesare ptr ceea ce faci , e imposibil sa nu transmiti ceea ce-ti propui !!! ;)
    Te imbratisez !!!!! <3

    Reply
  11. vera November 7, 2012 at 2:01 pm

    Ana Maria,

    Multumesc foarte mult pentru explicatie si pentru site !
    Am si cumparat de la pastaidevanilie, nu numai cream of tartar, dar si batoane de vanilie si alte mici minuni.
    Am vrut sa-ti scriu mai demult ca te-am descoperit pe site-ul lui Dorie Greenspan :
    http://doriegreenspan.com/print/2012/05/pinterest-or-why-i-wont-be-meeting-my-deadlines.html
    cu reteta grozava de Estonian Kringel.
    Ai toata admiratia mea pentru ce si cum faci.

    Reply
  12. Sasha November 8, 2012 at 4:54 pm

    Arată absolut delicios…mai ales că are şi fistiiic 8-> îmi plouă în gură.

    Reply
  13. Fotini November 10, 2012 at 11:02 pm

    Thank you for the recipe. I will surely give it a try!

    Reply
  14. Maria November 18, 2012 at 8:33 pm

    Buna, poti sa imi spui te rog ce fel de fistic ai folosit? Sarat sau nesarat? Crud sau prajit sau copt? Eu am gasit nesarat si crud. Am gustat, si e bun la gust, dar nu stiu cum o sa fie in lokum. Ma gandeam sa il pun putin la cuptor, sau sa il prajesc. Cum ai facut tu? Multumesc!

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 18, 2012 at 10:26 pm

      Buna, Maria !
      Eu am folosit fistic nesarat, deja prajit. Tu poti sa iei crud si sa il prajesti putin.
      Abia astept sa-mi povestesti experienta ta cu lokumul. <3
      Te pup !

      Reply
  15. Maria November 19, 2012 at 9:47 pm

    Buna Ana Maria, numai ce am turnat lokum-ul in tava si mi se pare ca a iesit. Adica la aspect arata chiar foarte foarte bine, urmeaza sa vad si gustul cum este. Iti trimit o poza in mesaj pe facebook, pt ca aici nu am gasit o adresa de email sau vreun camp pt atasat poze. Sa imi spui cum ti se pare. Si am o intrebare. Nu vreau sa il dau prin cocos, vreau prin zahar pudra. Dar zahar pudra simplu, sau cu amidon (cum arata in filmuletul acela)? Multumesc!

    Reply
    1. Ana Maria Ciolacu November 19, 2012 at 11:44 pm

      Ma bucur ca a mers totul bine. Bineinteles ca poti sa il dai prin zahar pudra, neaparat amestecat cu amidon, ca in video. Daca-mi spui maine si cum sunt gustul si consistenta, voi fi si mai fericita. :) Poti sa imi trimiti o poza la aceasta adresa de mail: contact@justlovecookin.com
      Te pup! xoxoxo

      Reply

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *